it | en

Challenge Vincenzo Muccioli 2005

Otto Becker vince l'edizione 2005
Scarica tutti i risultati in pdf

Una gara appassionante. Come d'abitudine per questo strano week end di fine luglio, caratterizzata da una condizione meteorologia piuttosto instabile.
Grazie a tre percorsi netti, di cui l'ultimo anche molto veloce, Otto Becker e Dobel's Cento si aggiudicano l'edizione 2005 della gara più attesa dell'internazionale organizzato all'interno della Comunità di San Patrignano durante il Campionato Europeo di Salto Ostacoli. Alle sue spalle Ludger Beerbaum, in gara con L'Espoir. Terzo Gianni Govoni e Loro Piana Lasita.

Questa la cronaca
Al termine della prima manche, dei 23 binomi al via, i netti agli ostacoli erano sei. Il gruppo, composto dall'olandese Piet Raymakers (Van Schijndel's Curtis), i tedeschi Ludger Beerbaum e Otto Becker, l'inglese John Whitaker (Exploit du Rouland), Gianni
Govoni e l'austriaco Wolfgang Otschmaier (Vasco da Gama MI), precedevano l'irlandese, campione del mondo in carica, Dermot Lennon (Condios), anche lui netto agli ostacoli ma incappato in una piccola infrazione sul tempo (un punto di penalità).
Situazione invariata al termine della seconda manche. Il sestetto di testa, infatti, ha bissato la positiva prova della prima manche, conquistando il diritto a disputare un ulteriore barrage.
Primo sul campo, l'austriaco Wolfgang Otschmaier, che dei sei era senza dubbio il meno esperto. Nonostante abbia affrontato il percorso a una cadenza piuttosto ridotta, il giovane cavaliere è purtroppo incappato in un errore sul secondo elemento della gabbia, chiudendo con complessive quattro penalità.
Dopo di lui, Gianni Govoni, al contrario, molto più veloce e preciso agli ostacoli. Netto in 43,60 secondi. Terzo a entrare, John Whitaker. Il cavaliere britannico, tentando una girata estrema sulla gabbia, ha messo eccessivamente in difficoltà Exploit du Roulard, commettendo un errore. Quattro penalità per il binomio che così restava tagliato fuori dai giochi. Non altrettanto azzardato, Ludger Beerbaum è risultato molto veloce (42,34 secondi) e netto agli ostacoli.
L'inossidabile Dobel's Cento (16 anni) agli ordini di Otto Becker, però, riusciva a fare ancora meglio, chiudendo senza errori con il tempo di 41,89 secondi.